Richiedi una visita specialistica

Liposuzione non invasiva

Novità nel campo del trattamento delle adiposità localizzate, si tratta di effettuare un lipolisi mediante una fibra ottica del diametro di circa un millimetro. Introdotta all’interno dei cuscinetti adiposi, emette una radiazione laser con due lunghezze d’onda: una per sciogliere il grasso e l’altra per scaldare la cute sovrastante. L’effetto che ne deriva, oltre che una minore invasività della procedura, è quello di sciogliere il grasso e creare una retrazione cicatriziale dei tessuti, evitando il rischio di avere parti molli dove è stato rimosso il grasso. Da ciò ne deriva che si può utilizzare con successo anche nei pazienti di età più avanzata e in quelle aree come collo, braccia e interno cosce dove la liposcultura tradizionale non dà risultato. La cellulite e le adiposità localizzate sono l'incubo della maggior parte delle donne. La laserlipolisi è un tipo di liposuzione meno invasiva.

In che cosa consiste la procedura della slim lipo? Quali sono i macchinari utilizzati? Si tratta di un intervento chirurgico?

La SlimLipo è una procedura mini-invasiva per la rimozione delle adiposità localizzate e della cellulite mediante l’utilizzo di un laser a diodi che emette due lunghezze d’onda: una a 924nm, specifica per lo scioglimento del grasso, e l’altra a 975nm, che riscalda il derma e crea un rassodamento della cute e un miglioramento dell’aspetto a buccia d’arancia. Il laser utilizzato è l’Aspire della Palomar. La procedura è un intervento chirurgico di tipo mini-invasivo che avviene in anestesia locale pura su base ambulatoriale con una rapida ripresa delle normali attività: basti pensare che dopo solo due/tre giorni si può fare la doccia e riprendere il lavoro anche per aree estese.

Quali sono i risultati?

Si possono rimuovere le adiposità localizzate di quasi tutte le aree corporee, pancia, collo, braccia, fianchi, coulottes des chevals, cosce e ginocchia con un solo trattamento ed in modo permanente. La quantità di grasso che si può rimuovere è pari a quella di una liposuzione tradizionale, ma senza necessità di ricovero o anestesia generale e soprattutto senza dolore post-operatorio e senza ematomi. Inoltre, grazie all’azione di rassodamento cutaneo, si eliminano anche gli odiati buchi della cellulite.

Quale tipologia di paziente potrebbe sottoporsi a tale trattamento?

Tutti i pazienti con cellulite e adiposità localizzate possono sottoporsi all’intervento di lipolaser con tecnica SlimLipo, anche soggetti avanti negli anni o soggetti con cute particolarmente rilassata, perchè al contrario di altre tecniche, oltre alla rimozione del grasso, abbiamo un rassodamento cutaneo dato dalla tecnica stessa.

Quali sono i rischi e come procede il post-operatorio?

In un soggetto sano, l’unico tipo di paziente che viene operato, i rischi sono bassissimi poichè la quantità di anestesia locale utilizzata è ampiamente inferiore ai dosaggi massimi utilizzati in altre procedure locoregionali. Il laser crea calore solo fino a 60 gradi centigradi, non sufficienti a produrre ustioni, molto utile nel ridurre il fastidio post-operatorio e nel creare una contrazione per rassodare la pelle. L’esperienza accumulata in centinaia di casi trattati ha reso questa una metodica molto efficace e sicura nelle mani di un medico esperto. Nel post-operatorio viene assunto un anti-infiammatorio la prima sera e un antibiotico orale per sei giorni, la medicazione viene rimossa dopo tre giorni e si può fare la doccia e riprendere il lavoro. Dopo 10-15 giorni si può fare sport. In qualche caso è opportuno indossare una guaina contenitiva per 3-4 settimane.

Differenze e vantaggi rispetto alla liposuzione tradizionale e rispetto alla liposuzione ultrasonica?

Rispetto alla liposuzione tradizionale la lipolaser è altrettanto efficace nel rimuovere il grasso, ma lo può fare senza dolore e in anestesia locale pura. Inoltre, grazie al rassodamento cutaneo, può trattare pazienti di ogni età e con pelle non elastica, può curare la cellulite e ha dei risultati molto più uniformi con minor rischio di imperfezioni e di irregolarità cutanee. La liposuzione ultrasonica è stata inventata per avere una maggior retrazione cutanea, cosa che anche la lipolaser fa, ma presenta una percentuale di complicanze molto alta ed è dolorosa al punto da richiedere un'anestesia generale per poter essere eseguita. Inoltre con la lipolaser si possono trattare aree come collo, volto e braccia che con la liposuzione ultrasonica non sono aggredibili senza rischio di ledere le strutture vascolo-nervose presenti. I vantaggi della SlimLipo sono evidenti se eseguita da mani esperte.

Centro Medico San Luca
Via Nazionale, 128
36056 Tezze Sul Brenta (VI)